Progetto “Oltre la soglia 2.0” - Accoglienza e reinserimento sociale per le persone vulnerabili e a rischio di emarginazione

 

 

La Casa del Giovane, in collaborazione con Associazione Agape, Diocesi di Pavia - Ufficio Caritas, Parrocchia Ss. Salvatore, Ass. Piccolo Chiostro, Comune di Pavia, ATS Pavia e ASST Pavia, ha realizzato il progetto “Oltre la soglia 2.0” nell’ambito delle iniziative promosse dal Programma Operativo Regionale cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo. Le attività si sono svolte da agosto 2018 ad agosto 2019.

 Il progetto si è rivolto a persone vulnerabili e a rischio di emarginazione presenti sul territorio con l’obiettivo di aiutarle a rimuovere e/o contenere le condizioni di precarietà e di emarginazione nelle quali si trovavano attraverso interventi di primo soccorso e soddisfacimento dei bisogni primari (accoglienza notturna, mensa, doccia e lavanderia), favorendo, laddove possibile, attraverso un’attività di ascolto e segretariato sociale, il reinserimento sociale e lavorativo.

Le attività di aggancio si sono concentrate nella zona che coincide, a grandi linee, con la pertinenza della Parrocchia di ss Salvatore: Stazione Ferroviaria, sottopasso di Piazza Minerva, Corso Manzoni, Galleria Manzoni. Complessivamente sono state intercettate 209 persone di cui 167 uomini e 42 donne, 93 italiani e 116 stranieri. La fascia d’età maggiormente rappresentata è stata quella tra i 45 e i 49 anni. L’utente più giovani aveva 16 anni, mentre quello più anziano ne aveva 77. La nazionalità prevalentemente rappresentata è stata quella italiana (44,5 %), seguita da quella marocchina (9.5%), nigeriana (7 %), tunisina (5.5 %) e rumena (4,5 %).

CONTATTI: progetti@cdg.it

Progetti di contrasto al gioco d’azzardo patologico

La Casa del Giovane propone uno sportello di ascolto, che offre informazioni e orientamento, e due gruppi di mutuo aiuto per le vittime con dipendenza conclamata e i loro familiari.

Parallelamente viene svolta nelle scuole un’azione educativa che aiuta i giovani ad avere un atteggiamento il più possibile responsabile e critico nei confronti del gioco d’azzardo e di tutte le condotte disfunzionali. Nel 2018 sono stati realizzati i seguenti progetti:

Facciamo il nostro gioco” Capofila: Comune di Inverno e Monteleone. Attività: indagine sugli stili di vita presso IC Certosa di Pavia, IC di Chignolo Po, IC di Villanterio, APOLF di Pavia, Centro Servizi Formazione di Pavia, Istituto Tecnico Agrario “C. Gallini” di Voghera, Liceo “G. Galilei” di Voghera.

LOKI. Il Dio della grande astuzia e degli inganni” Capofila: Comune di Seregno (BG) Attività: indagine sugli stili di vita presso 10 scuole secondarie del territorio di Seregno (MI).

Pavia gioca sano: ricerca e formazione in rete” Capofila: Comune di Pavia Attività: indagine sugli stili di vita presso 16 scuole primarie di secondo grado nei comuni di San Martino Siccomario, Cava Manara e Zinasco.

La posta in gioco” Capofila: Comune di Bergamo Attività: indagine sugli stili di vita.

“Punta su di te! 2.0” Capofila: Distretto di Certosa. Attività: serie di incontri nelle scuole secondarie di primo grado di Siziano, Landriano, Lardirago, Torrevecchia Pia e Vidigulfo durante i quali, con il supporto di documentazione video, si interrogano i ragazzi sulla loro esperienza diretta e indiretta, con particolare attenzione al gioco on-line. Ai ragazzi è chiesto di restituire la propria esperienza con messaggi autoprodotti utilizzando i più svariati strumenti di comunicazione (come ad esempio: foto, video autoprodotti, presentazioni multimediali, poster, disegni e canzoni) da promuovere e condividere in classe, coi Dirigenti scolastici, gli insegnanti, genitori e familiari.

(L.R. 8/2013)